skip to Main Content

logo-poièin

Poiein: vasi in vetro di murano

Artigianato e Tecnologia si incontrano in una collezione di vasi ibridi: scarti artigianali unici nella loro imperfezione e protesi stampate 3D in grado di restituirne la funzionalitàRinnovare la tradizione del fatto a mano, ricontestualizzarla attraverso i linguaggi contemporanei e riflettere sull’errore come preziosa unicità e germe di nuove possibilità.

“Poiéin”, un verbo greco che significa “inventare, produrre, fare, far sì che qualcosa che non esiste venga all’essere dal nulla”. Un attività caratterizzata dall’aspirazione alla qualità, la stessa che artigiani e makers, personaggi di mondi diametralmente opposti, mettono in ogni loro lavoro. Cosa caratterizza questi due modi di “fare”? Ma soprattutto, come possono non solo convivere ma addirittura arricchirsi l’uno grazie alla diversità dell’altra?

Artigianato e Tecnologia in una collezione di vasi ibridi

Se il valore dell’artigianato risiede nella forte componente umana, nell’unicità dei manufatti e nella loro irripetibilità, il mondo tecnologico è caratterizzato invece da strumenti completamente al servizio della creatività e dell’innovazione. L’irripetibilità artigianale è ancora più evidente nella casualità degli errori che rendono “fallati” molti manufatti artigianali. Questi oggetti, malgrado il loro fascino, sono considerati non idonei alla vendita e vengono smaltiti come rifiuti. E se vedessimo questi oggetti non come scarti ma bensì come altrettante affascinanti unicità? Se proprio per la loro casualità fossero ancora più rare e ancora più difficili da riprodurre?

È così che Artigianato e Tecnologia si incontrano in una collezione di vasi ibridi. Prodotti artigianali unici e protesi stampate 3D in grado di restituirne la funzionalità ed enfatizzarne le caratteristiche: modellate sulle curve delineate dagli errori, anche queste divengono pezzi unici, adattabili unicamente al manufatto artigianale di riferimento.

Il progetto si propone di rinnovare la tradizione del fatto a mano. Il prodotto finale è stato ricontestualizzato attraverso i linguaggi contemporanei riflettendo sull’errore come preziosa unicità e germe di nuove possibilità. Progetto realizzato e disegnato da Anita Angelucci e Salvatore Saldano.

Per consultare i prezzi degli articoli o avere maggiori informazioni compila il form nella sezione contatti.

Back To Top